Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Nicola: “Vincere fa sempre piacere ma non basta, ho rammarico solo per…”

Le parole di Nicola nel post-partita della sfida tra Empoli e Sassuolo

Nicola

Le parole di Davide Nicola nel post-partita della sfida tra Empoli e Sassuolo, vinta di misura dai suoi ragazzi, al Mapei Stadium.

SULLA VITTORIA. “Vincere fa piacere a tutti è sempre importante, perché fai un passo in avanti in maniera decisa. Ciò che stiamo facendo non basta, è la realtà. Vincere contro un avversario di qualità, che mette in difficoltà tutti, ha sempre un sapore diverso. I ragazzi sono stati bravi nelle due fasi, si sono mossi bene in campo e sono contento di questo. Avevamo bisogno di trovare convinzione in ciò che stiamo facendo, in termini di risultati e prestazioni. Sono felice perché questa settimana non abbiamo potuto contare su altri giocatori (Gyasi squalificato, Zurkowski e Fazzini infortunati, ndr), ma il risultato è arrivato ugualmente. Il gruppo che lavora, quando ha più risorse al suo interno, ottiene sempre risultati importanti“.

COSA E’ CAMBIATO NEI GIOCATORI. “Spero che abbiano capito il mio tipo di gioco, in funzione di una sperimentazione tattica. Per me contano i comportamenti, che vanno dimostrati a prescindere da come si gioca. I ragazzi si stanno applicando, ma possiamo migliorare. Spero di aver trasmesso che ciò che conta è l’obiettivo finale e non la singola partita. Non sono uno che si esalta troppo ma neanche uno che si abbatte se le cose non arrivano, per me è fondamentale l’equilibrio“.

SULLA SENSAZIONE DI NON VINCERLA. “Per come tenevamo il campo non ho mai pensato che non avremmo potuto vincere. Penso che ci siamo resi più pericolosi noi, in qualità di squadra, senza nulla togliere al Sassuolo. Ciò di cui ero consapevole è che se ci fossimo abbassati troppo avremmo pagato dazio. Dovevamo essere bravi nel gestire le varie fasi di pressing, dovevamo essere veloci ma non protrarci troppo nel tempo, altrimenti non avremmo tenuto fisicamente. I numeri sono chiari, io credo che l’Empoli abbia cercato di vincerla questa gara, rimanendo compatta. Otto occasioni da gol sono molte per una squadra come noi, segniamo 3 gol per la terza volta e di questo sono felice, perché significa che proponiamo calcio“.

IL RAMMARICO. “Ho parlato con i ragazzi a fine partita del gol subito da calcio piazzato, siamo stati troppo morbidi e questa forse è l’unica cosa che non mi è piaciuta, ma non vorrei essere troppo perfezionista, in una giornata come questa“.

ABITUDINE A GIOCARSI LA SALVEZZA. “Non saprei dire se siamo più abituati noi a giocarci la salvezza rispetto al Sassuolo. Il nostro percorso è quello di voler salvarci, ma noi giochiamo per esprimerci e fare più punti possibili, a volte ci riusciamo a volte no, non credo ci sia un modo per lottare per la salvezza. Non siamo più preparati perché lottiamo per questo obiettivo, dobbiamo continuare a giocare come sappiamo“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il centrocampista albanese non è nella lista dei convocati del Lecce per la gara di...
"Gotti avrà dalla propria parte la tranquillità che deriva dai risultati positivi ottenuti in tre...
Prosegue a gonfie vele la vendita dei biglietti per i tifosi salentini, pronti a riempire...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie