Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La Penna in Trasferta, Pastorella (tifogranata.it): “Il Sassuolo ha paura, il Torino deve approfittarne…”

Le parole, ai nostri microfoni, del collega granata Emanuele Pastorella, a 48 ore dal match tra Sassuolo e Torino

Pastorella

In occasione della sfida tra Sassuolo e Torino, che mette in palio punti pesanti per la zona Europa e la lotta per la salvezza, abbiamo intervistato il nostro collega, Emanuele Pastorella, per saperne di più sul momento dei granata.

Come ci arriva il Torino a questa sfida? Il pareggio contro la Salernitana ha lasciato malumori in squadra?

Sicuramente è un risultato che non permette il definitivo salto di qualità, anche se i granata sono una squadra certamente in salute. Dal 28 ottobre ad oggi Juric ha perso soltanto due partite, i risultati sono in crescita ma ancora manca quel pezzetto per candidarsi definitivamente all’Europa. Rodriguez e compagni vogliono ripartire subito a Reggio Emilia”.

Clima teso in casa granata, Juric è spesso al centro delle polemiche. Il croato potrebbe salutare a fine stagione?

Diciamo che ci ha pensato lui a fare totale chiarezza: con l’Europa resta, senza se ne va. Non ha usato giri di parole, è arrivato dritto al dunque come è nella sua indole. Quindi c’è poco da discutere, il suo futuro dipende dai risultati della squadra da qui a fine campionato. In qualche modo è come se si fosse messo da solo con le spalle al muro: sarà curioso già da sabato sera a Reggio Emilia vedere quale sarà la reazione della squadra a questo suo sfogo”.

Obiettivo 3 punti in quel di Sassuolo. Sfida alla portata o insidiosa?

Juric ha ragione quando dice che non esistono partite semplici o che vinci sicuramente, il Toro ne è l’esempio più lampante: in casa, i granata hanno pareggiato contro Udinese, Salernitana, Cagliari e Verona e hanno travolto per 3-0 Napoli e Atalanta. E’ una gara molto delicata per la squadra di Juric, è un’altra sfida che dirà tantissimo sulle prospettive della squadra per la seconda parte di stagione”.

Come stanno Rodriguez e Tameze? Recupereranno per la sfida di sabato?

Il recupero è praticamente certo, entrambi non hanno riportato lesioni e hanno già ripreso i lavori con il resto dei compagni. Il dubbio, semmai, è legato al fatto se possano essere titolari o meno. La sensazione è che Tameze possa lasciare il posto a Djidji come braccetto di destra, mentre Rodriguez va ancora valutato: in caso venisse risparmiato sarebbe pronto Masina, che ha esordito bene contro la Salernitana”.

Quale deve essere il salto di qualità per il Torino, per poter tornare in Europa?

Probabilmente si tratta di un salto mentale, Zapata lo aveva sottolineato qualche settimana fa. ‘Siamo forti, dobbiamo mettercelo in testa’ diceva l’attaccante cercando di spronare i compagni. E poi, al netto dei valori del Toro, serve anche una ‘mano’ dalla concorrenza: non basta un girone di ritorno oltre le aspettative da parte dei granata, serve che alcune big crollino clamorosamente. Ma non ne basta una sola, Juric deve recuperare tre posizioni: sarà veramente dura”.

Un voto al mercato di gennaio?

Non si sono fatti investimenti, come aveva preannunciato Cairo a Juric, e sono state prese quasi solo scommesse: Lovato è un fedelissimo del tecnico, Masina negli ultimi due anni ha avuto gravi infortuni e Okereke faceva panchina alla Cremonese in Serie B. E poi c’è Kabic, un ragazzino del 2004 che arriva dalla Stella Rossa. Diciamo che non è stato un mercato per una squadra che vuole l’Europa, ma per Juric non si poteva fare di meglio”.

Che Sassuolo ti aspetti sabato? Agguerrito o arrendevole?

E’ una squadra che sicuramente sta cominciando ad avere paura, quando non arrivano i risultati si entra in un vortice di negatività dal quale è difficile uscirne: il Toro ne sa qualcosa, prima di Juric ha rischiato per due anni la retrocessione. Credo che tanto dipenderà da quanta presa ha Dionisi sul gruppo”.

La salvezza è un obiettivo possibile solo con la presenza di Berardi?

Diciamo che sembra impossibile immaginare Berardi che retrocede in Serie B, è un valore assoluto non solo del Sassuolo ma anche della Nazionale. La sua assenza è pesantissima, non solo da un punto di vista tecnico ma anche di leadership. Il Toro dovrà cercare di approfittarne”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'attaccante giallazzurro Cheddira sulla prossima sfida con il Sassuolo: "Sono rimaste solo finali. E la...
berardi
Le dichiarazioni del professor Castellacci sul bruttissimo infortunio di Domenico Berardi, che lo terrà lontano...
carnevali
Le parole dell'amministratore delegato Carnevali sull'infortunio di Berardi e sulla salvezza del Sassuolo...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...