Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Dionisi: “Non ci saranno Racic e Defrel, non dobbiamo fasciarci la testa”

Le parole in conferenza stampa di Alessio Dionisi alla vigilia della sfida contro l'Udinese

dionisi

Il tecnico del Sassuolo Alessio Dionisi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida del Bluenergy Stadium contro l’Udinese.

LE PAROLE DI DIONISI

MOMENTO DEL SASSUOLO.Innanzitutto non credo che sia corretto fasciarsi la testa prima di batterla. E poi le difficoltà si affrontano e si superano, chi ha gli attributi per farlo. È ovvio che non siamo nel nostro miglior momento ma veniamo da prestazioni positive perché questo è. Ma i risultati sono negativi. Le ultime due sono viziate dal fatto che abbiamo giocato un tempo in dieci. La responsabilità è nostra in primis. Dobbiamo fare di necessità virtù. Prendere il positivo delle prestazioni e il negativo dei dettagli sbagliati perché è lì che sono i risultati. E noi i dettagli tante volte li trascuriamo, come nell’ultima partita. Siamo stati poco fortunati ma anche poco bravi. I dettagli sposteranno anche nella prossima. Sarà la più difficile per noi, contro una squadra totalmente diversa dalla nostra, con un’idea di gioco e una fisicità diversa. Nemmeno loro stanno attraversando un momento positivo. Siamo due squadre ferite, ma noi siamo in crescita a livello di prestazioni. E nessuno mi può convincere del contrario“.

ASSENTI. “Domani è una partita importante, ma lo sono tutte. Ovvio che siamo artefici del nostro destino e dobbiamo saper stare in questa posizione. Potevamo avere qualche punto in più? Sì! E anche una classifica diversa magari. Ma questo è il nostro campionato, poi possiamo ottenere di più o di meno per i dettagli. Abbiamo qualche defezione oltre ad Alvarez, Obiang, Ruan e Vina per ovvie ragioni. Non ci saranno nemmeno Racic e Defrel, purtroppo, ma non so dire cosa hanno perché i problemi li hanno manifestati stamattina. Saranno valutati nei prossimi giorni. So che non ci saranno. La formazione di domani sarebbe stata la scelta a prescindere, il fatto che ci siano defezioni non deve toglierci niente. Thorstvedt ed Henrique vengono da prestazioni molto positive, sono ragazzi giusti e motivati. Su di loro abbiamo gestito il più possibile salvaguardando prestazioni e volume di allenamento dopo problemi fisici di diverso tipo. Ma saranno disponibili. Avremo Loeffen, Falasca e Lipani come aggregati, sebbene Lipani si allena quotidianamente con noi anche se gioca in Primavera. In più recuperiamo Missori. Viti non ci sarà né per domani e forse nemmeno per la prossima. Lavoriamo sicuramente per gennaio”.

UDINESE.Le due squadre hanno cambiato tanto e in qualche cambiamento ci stanno le botte di assestamento. La partita è per certi aspetti una partita da giocare con la testa. Le loro peculiarità ci mettono in difficoltà se non giocheremo con la testa, se non facciamo una partita tecnicamente giusta per le nostre qualità. Non dobbiamo portarla sulla fisicità né perdere palloni sanguinosi, perché poi sono anche una squadra forte da questo punto di vista. Se invece la portiamo sulla gestione della palla, le qualità per determinare le abbiamo noi“.

MOURINHO.Non è un discorso sul quale mi addentro. I verdetti vanno accettati, ma le regole andrebbero rispettate. Poi nella regola ci sono microregole di buon senso. Se ci sono verdetti vanno rispettati. Se ci sono responsabilità e pene, quelle pene devono essere applicate, e lo dico da italiano più che da allenatore. Poi chi ha preso questa decisone direi che è giusta perché chi l’ha presa l’ha presa con logica“.

PROBLEMA GOL SUBITI. “Io ero un difensore, anche se di livello basso: vorrei una squadra che prendesse pochi gol. Ma mi devo attenere alle qualità della squadra che alleno: la mia è una squadra non predisposta alla fase difensiva, cercheremo sempre di fare più gol dell’avversario. E di conseguenza, non essendo una squadra di alto livello, il rischio di prenderne qualcuno c’è. Dobbiamo essere più cinici, per me il problema della partita precedente è stato non fare il secondo: puoi difendere meglio, ma quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto e sugli episodi possono essere bravi anche gli altri“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

sassuolo primavera
Torna a vincere il Sassuolo Primavera di Bigica e lo fa sul campo della Juventus...
berardi
Le dichiarazioni del professor Castellacci sul bruttissimo infortunio di Domenico Berardi, che lo terrà lontano...
carnevali
Le parole dell'amministratore delegato Carnevali sull'infortunio di Berardi e sulla salvezza del Sassuolo...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...