Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network

Dionisi: “Matheus Henrique non ci sarà, Laurienté sa che può fare di più”

Le parole di Alessio Dionisi in conferenza stampa alla vigilia della sfida tra Torino e Sassuolo di lunedì sera

dionisi

Alla vigilia della sfida tra Torino e Sassuolo, Alessio Dionisi ha parlato in conferenza stampa. I neroverdi sono reduci dal successo in Coppa Italia contro lo Spezia, dopo i calci di rigore. I granata invece sono stati eliminati in Coppa Italia dal Frosinone, dopo i tempi supplementari. Di seguito le parole del tecnico neroverde.

COPPA ITALIA. “La prima risposta era il passaggio del turno, ora approdiamo al terzo turno e poi ci penseremo in futuro. Era importante dare minutaggio, vedere qualcosa di quello che ho visto, fare una prestazione positiva, poi ovvio che sotto gli occhi di tutti c’è una squadra di A che va ai rigori contro una di B ma c’è anche chi è uscito. Non era semplice, abbiamo giocato a una porta sola, poi se non riesci a sbloccare partite che solo sulla carta possono sembrare meno difficili, poi possono diventare difficili ma ho avuto risposte positive”.

SITUAZIONE INFORTUNATI E ACCIACCATI. Henrique non sarà della partita, sapevamo che i pochi giorni tra una partita e l’altra non sono dalla sua parte e non so se rientrerà per la prossima. Quelli che hanno giocato in Coppa si sono allenati. Ovvio che qualcuno ha pagato un po’ di più il fatto di aver giocato poco e poi ha giocato 120 minuti e non dovremmo aver problemi da questo punto di vista”.

CONSIGLI-CRAGNO. “Questo è quello che alza il livello dei giocatori: la competizione. Ma è così in tutti i contesti lavorativi. Anche giocatori molto maturi se non sono in competizione un minimo lasciano. Prima di tutto devono accettare il dualismo, in qualsiasi ruolo, e se non lo fai fai fatica a migliorarti. Alessio e Andrea lo hanno accettato e questo ti eleva. Se si analizza una prestazione singola un errore può compromettere una prova ma io sono contento di entrambi. Sapevo che all’inizio poteva essere una scelta un po’ scomoda perché Andrea ha fatto la storia e continua a farla, è un portiere che non deve essere messo in discussione e mai lo sarà da parte mia ma c’è un momento in cui bisogna alzare il livello della competizione e ora stanno facendo entrambi”.

SUL TORINO.  “Il Torino lo rispetto tanto per quello che ha fatto e le qualità che ha e per il mercato che ha fatto, ha messo dentro Tameze, Zapata, giocatori esperti, ed è un valore aggiunto. Ci sono momenti. Non credo che il Torino sia in crisi. Noi dobbiamo stare dentro al nostro momento, sapere che creiamo tanto e finalizziamo meno, ma dipende da noi, dalla determinazione, dalla spinta della squadra, perché anche i calci d’angolo sono determinanti, in Coppa ne abbiamo battuti 17, perché poi conta anche la determinazione”.

DIONISI SULLA CLASSIFICA E SU LAURIENTE’

CLASSIFICA. “La guardiamo, viviamo di risultati, ci giudicate per i risultati, è normale che sia così. Mancano 28 partite alla fine del campionato e mi sembrano tante, l’anno scorso abbiamo fatto 17 punti nel girone d’andata, sappiamo che fare poi 28 punti nel ritorno come è successo a noi è cosa da poche, da squadre che ambiscono all’Europa. Dobbiamo fare di più dell’anno scorso, partiamo dall’anno scorso sapendo che non sarà facile confermarci. Dobbiamo fare più di 17 punti nel girone d’andata, poi ovvio che guardiamo la classifica, ma non abbiamo l’acqua alla gola, domani non è una finale ma è una gara importante, guardo avanti e indietro ma guardo noi. So che possiamo fare di più ma bisogna accettare quello che si fa altrimenti si fa un errore. Non siamo una squadra da Europa ma nel futuro, che non è quest’anno, ritornare in Europa dopo 11 anni però uno step per volta. Ora abbiamo 11 punti, ci giochiamo l’11esima, e il nostro obiettivo è fare a Torino sapendo che non è facile perché non lo determini solo tu”.

LAURIENTE’. “Era un po’ sbilanciato lì, è rientrato, ha guardato Mulattieri, forse ha pensato troppe cose, era un po’ sbilanciato e ha calciato (occasione contro lo Spezia, ndr). Non avesse calciato con forza avrebbe preso lo specchio forse ma era sbilanciato. Io ho visto delle risposte, già dal 1′ minuto in cui è entrato in Coppa, ovvio che deve andare a cercare le condizioni migliori per lui ma adattare le qualità alla partita e all’avversario. Ho visto delle cose che mi piacciono in questi giorni, fermo restando che Armand non sarà mai un problema e non è un problema. È quello che vogliono che fa la differenza, tutti gli riconosciamo delle qualità, poi confermarsi è un valore ulteriore ed è quella la difficoltà, è tutto lì il segreto. Non caricherei troppo di responsabilità lui, lui sa che può fare di più“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

sassuolo femminile
Il programma delle prime giornate della Poule Scudetto, che vedrà il Sassuolo Femminile impegnato dal...
Ballardini è pronto ad approdare in neroverde e proverà a guidare il Sassuolo verso la salvezza...
ballardini
Davide Ballardini può essere definito il maestro delle salvezze e c'è una statistica che lo...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...