Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sassuolo-Spezia 0-0, 5-4 d.c.r. le pagelle: un Cragno miracoloso salva una squadra sprecona e irriconoscibile!

I giudizi sulla prestazione del Sassuolo di Alessio Dionisi, contro lo Spezia di Alvini, nella gara valevole per i sedicesimi di Coppa Italia

Una partita a tratti brutta e dai ritmi molto blandi, incapace di regalare emozioni.

Malgrado le molteplici occasioni da gol, il Sassuolo di Dionisi non riesce a sbloccarla e i cambi non fanno la differenza nei 90 minuti regolamentari.

Cragno: Nel primo tempo non viene mai impegnato, ma nel secondo compie due salvataggi miracolosi su Kouda, che appena entrato sfiora la rete, mantenendo inviolata la porta dei neroverdi. Decisivo anche ai calci di rigore il portiere ex Monza. Voto 7

Missori: Prestazione di voglia e di intelligenza, sempre ben posizionato e molto propositivo in fase d’attacco, nella quale arriva al cross diverse volte, nel complesso un buon esordio da titolare. Voto 6

Viti: Attento, pulito e ordinato negli interventi e nell’impostazione, ma l’attacco spezzino non genera quasi mai pericoli. Voto 6

Tressoldi: Sbavatura all’inizio che sarebbe potuta costar caro dopo pochi secondi, ma questa volta l’errore non fa perdere la testa al centrale brasiliano, che non rischia nulla nel resto della gara. Voto 6

Pedersen: Propositivo e dinamico, arriva anche all’appuntamento con il tiro che non però non impensierisce più di tanto Zoet. Dal suo lato sono davvero pochi i rischi e questo fattore lo agevola, perlomeno nei tempi regolamentari. Nei tempi supplementari, il norvegese sbaglia tanto e si vede pochissimo. Voto 5.5

Racic: Lento, in ritardo e spesso impacciato in copertura, nonostante il suo peso specifico, non riesce a far valere la propria stazza al centro del campo. Voto 4.5

Castillejo: Posizione inedita per lo spagnolo, che comunque recupera qualche buon pallone e si rende pericoloso in un paio di situazioni offensive, ma date le sue qualità e la sua esperienza, può fare molto di più. Voto 5.5

Ceide: Passo corto, rapido nello stretto coadiuvato da un buon dribbling ma una mancanza di cattiveria e decisione troppo notevoli, si libera sempre bene della marcatura ma è impreciso nel servire i compagni. Sbaglia tanto nel secondo tempo a livello di gestione e viene sostituito. Voto 5

Defrel: Gara in ombra dell’attaccante francese, che si divora nella ripresa un gol già fatto ed è spesso e volentieri inconcludente in fase d’attacco. Voto 5

Volpato: Partita caparbia e di volontà. Si muove bene tra le linee, arriva alla conclusione svariate volte ma è impreciso nella rifinitura. Paga anche determinate scelte affrettate che avrebbe potuto mettere in porta i compagni. Voto 6

Mulattieri: Intraprendente e caparbio, ma manca clamorosamente un appuntamento con la rete nel secondo tempo, c’è tanto da lavorare e sicuramente il poco minutaggio può aver influito sul morale del calciatore. Le qualità ci sono, ma c’è bisogno di più fiducia. Voto 5.5

SUBENTRATI

Thorstvedt: Il suo ingresso in campo non sposta gli equilibri, la coppia formata con Racic non ingrana e di fatto dalla mediana non arrivano quasi mai palloni appetibili. Voto 5

Laurienté: Una stagione fin qui a dir poco negativa, salta a fatica l’uomo nell’uno contro uno e si divora, come già successo in diverse partite, il gol del possibile vantaggio con tutto lo specchio della porta a disposizione. Voto 5

Berardi: Inconcludente e troppo poco cattivo sottoporta, il faro del Sassuolo non brilla completamente e la squadra ne risente. Voto 5

Bajrami: Svaria su tutto il fronte d’attacco, ma sotto-porta è troppo lezioso e non arriva alla conclusione solo una volta, calciando centralmente e facendosi neutralizzare da Zoet. Voto 5.5

Lipani: Da più freschezza alla manovra, con giocate di prima, semplici, ma sempre ben indirizzate, volte ad aprire il gioco.

Pinamonti: S.V.

Alessio Dionisi: Una squadra involuta dal turnover, priva di idee precise e troppo sprecona sotto-porta; non aiutano gli ingressi dei titolari, che appaiono spenti e privi di motivazione. Quest’oggi da salvare solo la qualificazione, ottenuta ai calci di rigore. Voto 5

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

sassuolo primavera
Torna a vincere il Sassuolo Primavera di Bigica e lo fa sul campo della Juventus...
berardi
Le dichiarazioni del professor Castellacci sul bruttissimo infortunio di Domenico Berardi, che lo terrà lontano...
carnevali
Le parole dell'amministratore delegato Carnevali sull'infortunio di Berardi e sulla salvezza del Sassuolo...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...