Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Alessio Dionisi nel post-partita: “Vittoria meritata, contento per Berardi…”

Le dichiarazioni di Alessio Dionisi a margine della grande vittoria contro la Juventus

dionisi

A margine della partita contro la Juventus, il tecnico del Sassuolo, Alessio Dionisi, ha rilasciato le proprie parole e sensazioni in conferenza stampa, dicendosi molto soddisfatto per il ritorno al successo dei suoi ragazzi, contro una squadra blasonata e che partiva favorita nei pronostici.

Hai avuto le risposte che volevi questa sera, dopo le critiche subite settimana scorsa?

“No comment onestamente. Mi piacerebbe che la nostra cultura calcistica cambiasse, ovvio che facciamo polemica perché ci permette di parlare tanto, il nostro è un paese che vive di questo e del calcio, chi ci sta dentro deve gestire tutti i momenti.

Non è semplice avere equilibrio ma lo devo avere, abbiamo vinto una partita come le altre e ciò dimostra che qualcosa di buono lo stiamo facendo”. 

Più soddisfazione la vittoria di oggi o quella dell’anno scorso? E’ felice per Berardi?

“Più felice oggi perché la scorsa settimana abbiamo preso una brutta batosta. 

Oggi siamo stati bravi anche se abbiamo sprecato davvero tanto, ma credo di essere oggettivo se dico che abbiamo vinto con merito e vale doppio contro la Juventus. 

Sono contento di tutti, hanno fatto bene tutti coloro che hanno giocato, anche i più giovani. 

Non è facile giocare sempre per Domenico (Berardi, ndr), essendo sempre chiacchierato, ma ha gestito bene il post 1 settembre (chiusura del mercato, ndr) e le sue prestazioni lo stanno dimostrando”. 

In cosa è stato bravo il Sassuolo questa sera dal punto di vista calcistico?

“La Juve è calata tanto, spceialmente nella ripresa e noi siamo stati bravi ad uscire fuori.

Abbiamo fatto ciò che dovevamo in ogni momento della gara e questo ha fatto la differenza, sapevo che l’applicazione oggi sarebbe stata doppia rispetto a domenica scorsa e questo mi fa arrabbiare, bisogna sempre fare la partita giusta. 

In Serie A non bisogna trascurare nulla altrimenti prendi gol da tutti, era importante però togliere certezze alla Juventus”. 

Lei parlava di equilibrio, 4-2 Frosinone e 4-2 oggi, ma qual è il vero Sassuolo?

“È quello nel mezzo. Da quando sono qui va sempre così, sono andati via tanti ragazzi, alcuni dei quali molto forti e non è sempre facile ripartire. 

Domenica scorsa sembrava una partita semplice, ma non sono riuscito a far capire ai ragazzi che non era così. 

Oggi invece sapevamo che avevamo poche chance e abbiamo giocato al massimo.

Ad oggi siamo una sintesi di entrambe le gare, ma siamo all’inizio e non posso garantire che non avremo ancora alti e bassi”. 

4 gol si grande soddisfazione, ma potevano essere di più, come giudica la prestazione di Laurienté, apparso troppo poco cinico sotto porta?

“La prestazione di Laurienté è stata molto positiva. Ha fatto molte prestazioni sgonfie nel mezzo, ma va accompagnato e non è facile per lui, perché pensa di aver raggiunto l’apice della carriera e invece deve crescere e deve essere aiutato.

Oggi ha fatto una partita giusta perché lui spesso si prende delle pause e non deve farlo perché è determinante in entrambe le fasi, malgrado abbia delle qualità in meno rispetto ad altri”.

Può dare morale e fiducia questa vittoria in vista dell’Inter?

“Onestamente l’Inter sta facendo grandi cose in questo momento e la prepareremo, nonostante non disponiamo di tanti giorni, cercando di dare fastidio anche loro perché oggi abbiamo giocato con 4 attaccanti e sinceramente in Serie A non so quante squadre lo facciano. 

Bisogna avere qualità, organizzazione ed equilibrio e, se riusciamo a farlo anche con l’Inter potremo ottenere un altro buon risultato”. 

Hai rivisto i fantasmi dello Stirpe dopo 4 gol mangiati?

“A fine primo tempo la prima cosa che ho fatto con i ragazzi è stato sorridere, perché sembrava di aver fatto una prestazione copia e incolla della settimana precedente, ma aver già vissuto la situazione ci ha aiutato. 

Se avessimo concretizzato tutte le azioni ne avremmo fatti tanti e questo non è sempre possibile.

La squadra mi è piaciuta sul 2-2, perché è rimasta in partita, sempre concentrata e ho tardato i cambi appositamente. 

La concentrazione ha fatto nettamente la differenza quest’oggi”.

Boloca e Matheus Henrique a centrocampo hanno dato equilibrio, cosa pensa della loro prestazione?

“Hanno fatto una grande prestazione, sono stati bravi perché in poco tempo hanno avuto affiatamento e hanno preso coraggio. 

Lo dimostra Boloca che oggi entrava in area con facilità e sembrava giocasse la millesima partita in questo campionato, in realtà è solo alla 4a in Serie A. 

Non tutti hanno ancora avuto molto spazio, perché c’è bisogno che alcuni apprendano meglio la lingua e si inseriscano negli schemi della squadra, altri, invece, necessitano di mettere minuti nelle gambe ed entrare in condizione”.

 

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

assenti
Ecco chi rischia di saltare il match del Mapei Stadium...
Zola
Le parole dell'ex calciatore rossoblù sulla sfida che attende la squadra di Ranieri contro i...
rossi juventus allegri
Nuovo retroscena sul rapporto non più idilliaco tra la Juventus e Allegri, che voleva portare...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie