Forza Sassuolo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sassuolo-Atalanta, le dichiarazioni di Gasperini: “Musso titolare, dispiaciuto per Touré”

Le parole, in conferenza stampa, di Gasperini alla vigilia del match contro il Sassuolo di Dionisi

atalanta

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha presentato in conferenza stampa la partita di domani contro il Sassuolo.

Tante aspettative sull’Atalanta, per vincere il Tricolore come gridano i tifosi?

“Bè, spero che non siano davvero queste (ride, ndr) ma se sono queste cercheremo di arrivarci”.

Stagione storica anche per lei?

“Non pensavo ai dati e alle statistiche, per me sarebbe un grande traguardo. Un po’ dispiace perchè passano gli anni (ride, ndr). Un qualcosa ancora di più forte che mi lega alla società”.

La tegola Tourè?

“Sono molto dispiaciuto per questo ragazzo, aveva tanta voglia di emergere e giocare per l’Atalanta, su di lui si sono accessi i riflettori anche grazie all’ importante investimento della società.

Nessuno immaginava potesse avere una ricaduta di questo genere, evidentemente legata ad infortuni precedenti. Vedremo nei prossimi giorni quali saranno i tempi di recupero”.

Cosa può cambiare l’infortunio di Tourè nelle prospettive di mercato?

“L’Atalanta ha fatto degli investimenti importanti in attacco, ringiovanire in alcuni settori. La presenza di Duvan e Muriel è una cosa sicura, sono qui da tempo.

Non è che l’infortunio cambi di molto le prospettive che ci siamo posti, in questo momento Zapata è dell’Atalanta, un giocatore forte che si è allenato con continuità.

Sotto l’aspetto di condizione sta meglio di altri, per quanto mi riguarda domani sarà sicuramente in campo. Quello che succederà negli ultimi quindici giorni di mercato sarà difficile da dire”.

“Toloi ha recuperato e si è allenato in questi giorni, per domani è disponibile. Ogni tanto qualche piccolo acciacco l’ha, potrebbe non giocare dall’inizio ma essere pronto a gara in corso.

Con il mercato aperto le prospettive sono tante, se in altri reparti ci possono essere occasioni… il mercato in uscita è stato straordinario, per certi aspetti.

L’Atalanta è attenta, presente, per completare al meglio possibile. Una squadra di base l’abbiamo, è quella dell’anno scorso, soprattutto in difesa. Domani gioca Musso, risposta secca”.

Il mio obiettivo per la stagione?

“Bisognerà aspettare la fine del mercato, è un campionato che inizia con tre partite prima della fine del mercato. Diventa difficile parlare di obiettivi di classifica”.

Che partita si aspetta domani?

“Troviamo un’ottima squadra, abbiamo perso l’anno scorso una gara condizionata dall’espulsione di Maehle dopo pochi minuti.

Affrontiamo una squadra di qualità con risorse importanti. Ci sarà molto caldo, ci saranno tanti fattori determinanti che fanno passare un po’ in secondo piano il fatto che sia la prima di campionato, generalmente molto attesa. Già una partita vera”.

Contento della squadra?

“Ho la fortuna di avere un gruppo solido ormai da anni, l’ho visto anche nelle amichevoli. Sono rivolto al lavoro per inserire i nuovi”.

De Ketelaere?

“Lui è un attaccante, giocherà sicuramente davanti. Sia lui che Scamacca sono nuovi in attacco, avranno bisogno di avere una buona condizione per dare il loro migliore apporto.

Lui comunque anche in allenamento ci ha fatto vedere delle qualità, l’anno scorso non ha fatto benissimo. Forse questo è stato meglio per noi. E’ una fortuna avere lavorato con Pioli e in un ambiente come quello del Milan”.

De Ketelaere paragonato ad Ilicic, può mettergli pressione?

“I termini e i paragoni sono d’effetto, può essere simile ad Ilicic ma per me è un altro tipo di giocatore.

Io chiedo sempre di avere dei giovani importanti, è stata cambiata un po’ marcia rispetto al passato. Quando succede qualcosa come accaduto ad Hojlund, ne trae giovamento tutta l’Atalanta. Così come per le altre cessioni”.

De Roon domani arriverà a 300 presenze?

”Sono tante eh… Per me quelli come lui sono importanti perché aiutano nell’inserimento dei nuovi, potrebbero fare anche gli allenatori. Per l’esempio che danno e la mentalità che trasmettono. Speriamo di festeggiarlo il traguardo”.

Scamacca e le qualità nascoste?

“Per me sono evidenti (ride, ndr). Innanzitutto per me ha un grande tiro, veramente potente. Ma anche il colpo di testa, si partirà dalle sue qualità e si cercherà di modellarne al meglio le caratteristiche”.

“Qualcuno di voi ha sempre fatto notare che la difesa è sempre stata tra le migliori, quinti o sesti del campionato. Continuo però a pensare, come dal primo anno che sono qui, che sia importante vincere le partite perchè sono quelle che fanno la classifica”.

Chi è più pronto dei nuovi?

“Chi è arrivato prima, come Kolasinac, lui è quello che si è inserito meglio. Bakker ha avuto qualche problema in più relativo al ruolo, ma è appena arrivato.

Poi quelli che sono arrivati nell’ultima settimana sono rimasti un po’ fermi, ma hanno già dimostrato di essere dei profili giusti da Atalanta.

L’obiettivo che mi esalta è fare un lavoro per valorizzarli, per mostrare il potenziale parzialmente espresso”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

berardi
Continua al meglio il recupero di Domenico Berardi dall'infortunio al tendine d'Achille, che lo ha...
Prosegue a gonfie vele la vendita dei biglietti per i tifosi salentini, pronti a riempire...
ghion
Le parole del centrocampista del Catanzaro, in presto dal Sassuolo ...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie